Vendita pedane in legno: dal pallet ai formati personalizzati

Vendita pedane in legno

Imballaggi Manfolini si occupa della vendita di pedane il legno, da quelle più comuni e indispensabili per lo stoccaggio di imballaggi e spedizioni, sino ai formati personalizzati per trasporti particolari o speciali.

La vendita dei pallet rappresenta indubbiamente la maggiore richiesta di bancali a Torino, dove la movimentazione di imballaggi e spedizioni è al secondo posto in Italia per numero, e primo per volume.

Tuttavia in una città a fortissima vocazione industriale una parte importante nella vendita di pedane in legno è occupata soprattutto dalla richiesta di imballaggi di formato speciale, con la costruzione di pedane in grado di soddisfare la movimentazione di macchinari industriali o particolari di costruzione che richiedono un’adeguata protezione nelle fasi di movimentazione.

Pallet: vera e propria unità di misura nel trasporto commerciale

Sono oltre venti milioni i pallet sui quali ogni giorno in Italia viene movimentata gran parte della merce; un numero impressionante che si traduce quasi con un pallet presente per ogni famiglia.

Ogni anno vengono la vendita dei pallet nuovi immessi in circolazione è di circa 6 milioni, e la loro relazione alla produzione industriale è tale che rappresenta un indicatore attendibile sull’andamento trimestrale dell’economia globale del Paese.

Chiamati spesso comunemente bancali, sotto tale nome però si identificano diverse tipologie di prodotti, tutti di dimensioni standardizzate, ma con ingombri diversi. Il più noto, specialmente per la sua larga diffusione nel settore alimentare, è indubbiamente il modello Europeo; di formato 80×120 si adatta perfettamente al trasporto su gomma, per il quale è stato creato.

L’origine del pallet risale alla seconda guerra mondiale quando lo spostamento logistico delle truppe americane impose l’utilizzo di pedane in grado di esser veicolate facilmente su trasporti misti: nave, terra e aria. Da qui nacque l’esigenza di costruire pedane rialzate, in modo da poter essere imbracate sulle navi, e successivamente prelevate da veicoli dotati di forche adatte a sollevarli; i prototipi di quelli che divennero poi gli odierni muletti da carico.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *